Skip to content

Lo sticker di Shepard Fairey (OBEY)

Sui cartelli stradali, sui gradini, sui muri, sui pali o sulle cassette elettriche. Sulle magliette, le felpe, le giacche o sui cappellini. Vi sarà già capitato di notare il volto di Obey in varie città del mondo. Vi siete mai chiesti che cosa rappresenta realmente?

Simbolo di una generazione, di un movimento artistico e culturale, di un modo di vivere. Obey è il volto della street culture, del mondo degli skaters, dell’arte urbana e del pensare fuori dagli schemi. Obey è un gioco di psicologia inversa, significa proprio l’opposto – chi obbedirebbe mai al comando “obbedisci”?- : non obbedire, ribellati al sistema, ragiona con la tua testa.

La storia di questo simbolo diventato ormai virale è piuttosto curiosa.
Shepard Fairey, in arte Obey Giant, è uno street artist americano. Giovanissimo, inventa per la prima volta lo sticker facendo esperimenti con il ritratto di un noto wrestler degli anni ’80: Andre The Giant. Comincia a produrne in serie, ad appiccicarli in giro e a distribuirli. Lo sticker ha successo, diventa un oggetto misterioso e ricercato. Alcuni contribuiscono a diffonderlo e in poco tempo le città si riempiono di raffigurazioni del “gigante”. In molti si interrogano sul suo significato. Che cosa vorrà comunicare quel volto per alcuni enigmatico, per altri curioso, per altri ancora disturbante? Assolutamente nulla. O almeno, non nell’immediato.
La presenza stessa dello sticker nello spazio pubblico è il vero messaggio: rappresenta un atto di ribellione, una presa di posizione politica, mettere “il sistema” in discussione. La speranza di Shepard è che lo spettatore, interrogandosi riguardo al vero significato dello sticker, applichi lo stesso spirito critico ad ogni contenuto visivo che gli viene sottoposto, smettendo di accettare passivamente tutto ciò che vede senza farsi domande, ma reagendo attivamente. Questo è il manifesto di Shepard, questo è il manifesto di Obey.
Diventato l’icona sia della sconfinata produzione artistica di Shepard – che si estende dai murales di grandi dimensioni fino alle opere d’arte, alle stampe e alla grafica – sia del suo brand di abbigliamento Obey Clothing, il simbolo di Obey è oggi conosciuto e presente in tutto il mondo. Well done Shepard!