Skip to content

2501

2501 (Jacopo Ceccarelli, Milano, 1981) iniziò a dipingere sui treni graffiti e soprattutto tag e lettere all’età di 14 anni, con il nome di “Never”. Dopo aver vissuto a San Paolo, Brasile, dove è entrato in contatto con la scuola di street art sudamericana, ha maturato il suo stile artistico e sviluppato la sua tecnica. Decise quindi di cambiare il suo nome in 2501, la sua data di nascita, per ricordargli questa rinascita artistica.

2501: arte

La sua produzione passa ora dai video ai dipinti, dagli elementi organici alle sculture realizzate con materiali che trova direttamente sulla strada, dal bianco e nero ai colori fluorescenti; nulla ferma il suo desiderio di sperimentare e reinventare. Negli ultimi anni, ha preferito uno stile fatto di linee ondulate bianche e nere, che simboleggia in qualche modo il cambiamento della percezione.

Tuttavia, lo stile è solo uno strumento, ciò che conta davvero per l’artista è il concetto. Per esprimere il concetto, si concentra sulla cosiddetta “gestualità”, il movimento della sua mano in superficie. La sua produzione, tra astratto e figurato, si ispira alla natura.

Mostre più importanti

L’artista ha partecipato a numerose mostre e festival in tutto il mondo, esponendo in prestigiose istituzioni come il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, la Triennale di Milano e il MACRO di Roma.

2501 nel 2019, ha creato l’opera interattiva La Macchina per il Contemporary Day, un evento internazionale in collaborazione con National Historical Museum, nello stesso anno, 2501 ha esposto una mostra personale “Visual sequencing and Tracking skills” durante Basel Miami 2019 presso Product / 81 Creative Lab.

Nel 2018, il Museo Gagliardi di Noto ha inaugurato una mostra che ripercorre un secolo di pittura astratta italiana: ABSTRACTA – da Balla a Street Art che presentava opere del 2501. Nel 2017, 2501 ha preso parte alla mostra collettiva Cross the Street al MACRO e a numerosi festival e progetti artistici come Borgo Universo, ad Aielli, in Abruzzo.

Nel 2015 ha presentato un progetto speciale agli Internazionali BNL d’Italia al Foro Italico, a Roma, in un progetto creato in collaborazione con Wunderkammern.

Nel 2013 ha partecipato a Back 2 Back alla Biennale, un evento satellite ufficiale della 55a Biennale di Venezia, e nello stesso anno ha installato permanentemente una sua opera al Palazzo Collicola Museo Carandente di Spoleto, con il progetto di street art Onthewall.

Nel 2009, 2501 ha vinto lo Street Art Award al Metropolis Art Prize 2009 con il video “Mask”, proiettato a Times Square, New York.

 














Mostre correlate

2501
Milano
dal 18 maggio 2018 al 28 luglio 2018
da martedì a sabato, 11 - 19
2501, Atomo, Borondo, BR1, C215, Max Rippon, Sam3, Sten Lex, Edoardo Tresoldi
Milano
dal 30 giugno al 31 luglio 2015
dal martedì al sabato, 11 - 19
2501
Roma
dal 9 giugno fino al 25 luglio 2015
dal martedì al sabato, 11-19

Articoli correlati

Cheap Festival - credits Cheap Festival
Bentornati con un altro articolo dedicato alla Street Art! Oggi vi vogliamo parlare di uno dei festival di Arte Urbana più interessanti, il Cheap Festival. Il CHEAP- Street Poster Art Festival nasce a Bologna nel 2013 grazie a Cheap, un progetto indipendente che si occupa della promozione di arte urbana sul territorio. Una delle cose...
never2501
Siete pronti per uno Street Art Tour con 2501? Milano è la sua città e proprio qui possiamo trovare molte delle sue opere più importanti. Venite a scoprile insieme a noi! Il nostro Urban Art tour inizia a Quarto Oggiaro, in via Renato Simoni.  2501 ha realizzato questo muro nel 2015 in occasione del progetto...
never2501
“Il dipingere si trasforma in pratica meditativa, nel momento in cui l’attività pittorica crea uno spazio interiore di raccoglimento in cui nascono idee e suggestioni.” – 2501 L’artista 2501 e il Buddhismo, vi sembra un binomio singolare? Quale modo migliore di scoprirlo se non partendo dalle opere? 😉 2501 – buddhismo e arte 2501 è...