Skip to content

Supervised Independence

Informazioni mostra

Apertura:

Mostra date:

Location:

Orari di apertura:

Artista:

Partecipa all'evento su Facebook:

sabato 30 novembre 2013
dal 30 novembre 2013 al 25 gennaio 2014
Wunderkammern, via Gabrio Serbelloni 124
dal martedì al sabato, 11 - 19
Rero

Apertura:

sabato 30 novembre 2013

Mostra date:

dal 30 novembre 2013 al 25 gennaio 2014

Location:

Wunderkammern, via Gabrio Serbelloni 124

Orari di apertura:

dal martedì al sabato, 11 - 19

Artista:

Rero

 Curato da Giuseppe Ottavianelli

Supporto critico di Achille Bonito Oliva

 Rero (1983) è un artista che interroga i codici della nostra società, in particolare i codici della immagine e del linguaggio. Conosciuto per le sue opere in situ in spazi pubblici urbani e all’interno di paesaggi naturali, il suo lavoro si basa sul linguaggio: singole parole, frasi brevi o estese che interagiscono con il lettore in relazione allo scenario nel quale si collocano. Rero sistematicamente barra i suoi messaggi con una spessa linea nera. Questo è un détournement che caratterizza in modo distintivo la sua ricerca sulla negazione dell’immagine e che testimonia il processo del pensiero stesso. Denuncia una possibile censura e auto-censura che richiama concetti legati alla proprietà privata fisica o intellettuale di un’opera, di un oggetto, di un luogo o anche di una persona. Per sviluppare questi concetti, Rero fa partire la sua ricerca dall’acronimo WYSIWYG – What You See Is What You Get – (Ciò che vedi è ciò che avrai) che ben riassume l’overdose visiva presente nella società contemporanea.

Per la prima volta in Italia, Rero ha intitolato la sua mostra Supervised Independence. Un termine che fu utilizzato in passato per delineare lo status del Kosovo, oggi Repubblica definita indipendente ma giuridicamente non ancora riconosciuta dalla comunità internazionale in modo univoco. Supervised Independence è l’ossimoro
che l’artista utilizza per interrogarsi sulle sconfitte e le sfide della nostra società. Una figura retorica con cui Rero  demarca il nostro tempo che sembra intrappolarsi in definizioni impossibili, quali il commercio equo e solidale, gli investimenti etici, lo sviluppo sostenibile per un sistema in esorbitante espansione.

La mostra organizzata da Wunderkammern, in concomitanza con il quinto anniversario della galleria, ha presentato unicamente opere nuove ed è stata caratterizzata da una forte varietà di mezzi espressivi. L’accostamento di parole antitetiche condurrà ad una riflessione sulle contraddizioni che si verificano durante la costruzione della memoria collettiva che tende al futuro ma è radicata nel passato. Nello specifico vale anche per la città di Roma.

Come anteprima alla mostra, l’artista ha realizzato un’opera pubblica sul muro dell’edificio del DAMS  dell’Università degli Studi di Roma Tre, frutto della collaborazione tra Wunderkammern e NUFactory. In collaborazione con l’Institut français Centre Saint-Louis l’artista inoltre ha eseguito una performance martedì 26 novembre ore 19, trasmessa in streaming sul sito dell’Institut, lasciando un suo intervento permanente nella sede a Roma, a largo Toniolo 22. Nei giorni successivi Rero ha realizzato altri interventi pubblici in diversi luoghi della città, sempre indagando l’individualità della persona nello spazio pubblico e in quello privato ed il sottile confine che li separa.

Inviami il catalogo

Artisti correlati