Skip to content

Long live the revolution

Paolo Buggiani – Fire sculptures on water, Castello di S. Severa, 1985, courtesy Alberto Griffi

Informazioni mostra

Apertura:

Mostra date:

Location:

Orari di apertura:

Artista:

Partecipa all'evento su Facebook:

Sabato 2 dicembre 2017, ore 6.30
Dal 2 dicembre 2017 fino al 24 febbraio 2018
Wunderkammern Roma, via Gabrio Serbelloni 124, 00176 Roma
Dal martedì al sabato, 16- 19
Paolo Buggiani, Tomaso Binga, Keith Haring, Richard Hambleton, Ken Hiratsuka

Apertura:

Sabato 2 dicembre 2017, ore 6.30

Mostra date:

Dal 2 dicembre 2017 fino al 24 febbraio 2018

Location:

Wunderkammern Roma, via Gabrio Serbelloni 124, 00176 Roma

Orari di apertura:

Dal martedì al sabato, 16- 19

Artista:

Paolo Buggiani, Tomaso Binga, Keith Haring, Richard Hambleton, Ken Hiratsuka

Curato da Giuseppe Ottavianelli

Supporto critico di Serena Silvestrini e Egidio Emiliano Bianco

Per la prima volta in mostra alla galleria Wunderkammern di Roma le opere di grandi maestri che hanno segnato la storia dell’arte contemporanea, grazie alla loro volontà di uscire fuori dagli schemi: Tomaso Binga (Salerno, Italia, 1931); Paolo Buggiani (Castelfiorentino, Italia, 1933); Keith Haring (Reading, USA, 1958-1990); Richard Hambleton (Vancouver, Canada, 1954-2017) e Ken Hiratsuka (Shimodate, Giappone, 1959).

Art revolution: così recita il motto che Paolo Buggiani ha fatto suo fino a imprimerlo indelebilmente sulla pelle con un tatuaggio. Per l’artista toscano, la rivoluzione è un atto necessario per cambiare una situazione stagnante, è un gesto dirompente che ha come scopo quello di portare progresso. La ribellione, intesa come sovvertimento di un ordine statico, è il motore del lavoro di tutti gli artisti in mostra.

Le opere esposte in Long live the revolution sono connesse tra di loro da uno schema che si ripete con modalità differenti: sono pensate per stupire lo spettatore, sorprenderlo per catturarne l’attenzione fino a condurlo alla riflessione e, in maniera auspicabile, a una sentita e profonda consapevolezza della necessità di un cambiamento. Questo è presente nelle performance newyorkesi di Buggiani, tra le quali si ricordano quelle in cui l’artista, travestito da Icaro, pattinava tra le automobili nel traffico provocando lo stupore (e talvolta l’ira) dei conducenti, oppure in quelle di Binga, volte a scardinare gli odiosi aspetti del patriarcato saldamente radicati nella cultura italiana – e non solo – attraverso l’uso del suo corpo come strumento tramite tra le parole recitate e gli spettatori coinvolti.

Negli interventi pregni di leggibili messaggi sociopolitici fatti da Keith Haring sui cartelloni pubblicitari nella metropolitana di New York. Nella stessa metropoli, le ombre urbane di Hambleton coglievano di sorpresa i passanti in angoli inaspettati delle strade. La sensazione di “rivoluzione necessaria” si avverte anche nelle linee infinite che sembrano non interrompersi mai di Hiratsuka, quasi a volere racchiudere al loro interno l’umanità intera senza distinzione di sesso, etnia o religione, unendo gli esseri umani in un’unica forma di comunicazione universale.  In mostra opere storiche esposte insieme a lavori più recenti.


Ph. di Alessio Paniccia

INSTITUTIONAL PATRONAGE

Municipio Roma V

CULTURAL PARTNERS

IED – Istituto Europeo di Design

MEDIA PARTNERS

ArtsLife

Face Magazine

Arsity

Zero

TECHNICAL PARTNERS

Ceres

Casale del Giglio

Dalodi

Eurograph

Inviami il catalogo